Spazio PA

Piano Regionale triennale 2018-2020 e Piani annuali di edilizia scolastica - SCADENZA 23 GIUGNO 2018

Con la Delibera di Giunta Regionale n. 340/2018 e successivo Decreto 5137 del 12.04.2018 sono stati approvati i criteri per la formazione del Piano Regionale triennale 2018-2020 e dei piani annuali di edilizia scolastica di cui all'art. 10 del D.L. 12 settembre 2013, n. 104, convertito dalla L. 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di Istruzione, Università e Ricerca  

La finalità è quella di favorire interventi straordinari di ristrutturazione,miglioramento,messa in sicurezza, adeguamento sismico, efficientamento energetico di immobili di proprietà pubblica adibiti all’istruzione scolastica statale di proprietà degli enti locali, nonché la costruzione di nuovi edifici scolastici pubblici e la realizzazione di palestre scolastiche nelle scuole o di interventi volti al miglioramento delle palestre scolastiche esistenti.

  • Le proposte devono riguardare esclusivamente edifici di proprietà pubblica adibiti ad istruzione scolastica statale, compresi i Centri Provinciali Istruzione Adulti (CPIA), nonché la costruzione di nuovi edifici scolastici pubblici muniti di codice edificio dell’anagrafe dell’edilizia scolastica (www.ediliziascolastica.regione.toscana.it).

 

  • Ogni domanda deve essere riferita ad un singolo edificio scolastico
  • Tipologia di Intervento ammissibili:
Ogni domanda deve essere riferita ad un singolo edificio scolastico. Ciascun Ente locale può presentare un numero di domande di finanziamento pari ad un massimo di 2/3, arrotondato per eccesso, del numero degli edifici scolastici di propria competenza presenti nell’Anagrafe dell’edilizia scolastica ((www.ediliziascolastica.regione.toscana.it). Le domande eccedenti la quota stabilita al paragrafo precedente sono inammissibili. Ai fini della valutazione della eccedenza si avrà riguardo all’ordine temporale di invio telematico.
 
Gli interventi ammissibili devono rientrare in una delle categorie di cui all’articolo 3 del decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, 3 gennaio 2018, n. 47. In particolare, sono ammesse alla presente selezione proposte rientranti nelle seguenti tipologie d’intervento:
a) interventi di adeguamento sismico e di miglioramento sismico (nel solo caso in cui l’edificio non 1 sia adeguabile in ragione dell’insistenza di vincolo d’interesse);
b) interventi finalizzati all’ottenimento del certificato di agibilità dell’edificio e all’adeguamento alla normativa antincendio;
c) ampliamenti e nuove costruzioni per soddisfare specifiche esigenze scolastiche;
d) interventi diversi dai precedenti, purché l’Ente certifichi che la struttura sia adeguata alle normative vigenti ed i relativi dati concernenti l’edificio interessato siano stati regolarmente inseriti nell’anagrafe dell’edilizia scolastica.
 
Si precisa che, qualora siano candidate proposte di tipologie b), c), d), il richiedente dovrà dimostrare, mediante l’invio di idonea documentazione: 
1 - per gli edifici esistenti e ricadenti in zona 1 e 2, che l’edificio è adeguato in termini di sicurezza strutturale ai livelli minimi previsti dalle vigenti norme tecniche di costruzione;
2 - per gli edifici esistenti e ricadenti in zona 3 e 4, che la struttura è conforme alle norme sismiche vigenti all’epoca della costruzione e che non vi è obbligo normativo di effettuare ulteriori verifiche.
 
Per i punti a) e b) è ammissibile il ricorso a nuove costruzioni in sostituzione di edifici esistenti a seguito di dimostrazione della non convenienza tecnico economica ad adeguare la struttura esistente.
 
  • Interventi non ammissibili:

a) relativi a edifici di proprietà pubblica adibiti all’istruzione scolastica non statale, fatta salva l’ipotesi di realizzazione di poli di infanzia ai sensi dell’articolo 3, comma 9, del decreto legislativi 13 aprile 2017, n. 65 e muniti di codice edificio dell’anagrafe dell’edilizia scolastica;

b) che prevedano esclusivamente opere di sistemazione a verde e arredo urbano, ancorché di aree pertinenziali scolastiche;

c) già destinatari di altri finanziamenti comunitari, statali e regionali, con la sola eccezione di eventuali cofinanziamenti fino a concorrenza del costo complessivo; 

d) per i quali siano state avviate le procedure di gara con la pubblicazione del relativo bando,ovvero di affidamento dei lavori, alla data di presentazione della domanda.

Sono inseriti nella graduatoria, ma non sono finanziabili, gli interventi relativi a edifici ricadenti nelle zone 1 e 2 di elevato rischio sismico, presentati secondo quanto previsto dalla categoria a), Punto 5 “INTERVENTI AMMISSIBILI ALLA GRADUATORIA”, per i quali, in sede di presentazione della richiesta di finanziamento non sia stata allegata la verifica di vulnerabilità sismica prevista dall’articolo 20-bis, comma 4, del DL 9 febbraio 2017, n. 8, convertito dalla legge 7 aprile 2017, n.45. Tale documentazione potrà essere integrata al momento dell’aggiornamento del Piano, così come previsto dal Decreto Interministeriale, per le annualità 2019 e 2020.

  • Livello di Progettazione :
Sono ammissibili i Progetti Esecutivi, Definitivi, di Fattibilità tecnica ed economica e i Documenti di fattibilità delle alternative progettuali che siano stati approvati dall’Ente proponente.
 
 
PER TUTTI I DETTAGLI SI RIMANDA all 'ALLEGATO A al Decreto 5137 del 12.04.2018 e alle successive PRECISAZIONI 

 

CONSIDERAZIONI FINALI  Essendo un Piano Triennale 2018/2020 non si avrà l’opportunità di presentare domanda se non in questa fase, pertanto anche se abbiamo interventi in una fase progettuale minima è opportuno presentare domanda anche perché annualmente ci daranno l’opportunità, previa loro richiesta, di  aggiornare il grado di progettazione ed eventualmente scalare posizioni in graduatoria.

Delibera - Allegato AAllegato B - DECRETO - ALLEGATO A (al decreto) 

  • 1
  • 2

Contatti

Piazza Duomo, 9 (c/o Provincia di Siena)
53100 SIENA (Siena)

Tel. +39 0577 241644

Centralino: Tel. +39 0577 2411 
www.terredisienalab.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PEC : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dati societari

Terre di Siena Lab Srl
Società soggetta a Direzione e Coordinamento dell’Amministrazione Provinciale di Siena.

Sede Legale: Piazza Duomo 9 - 53100 SIENA
Capitale Sociale € 107.168,76 i.v.
C. F./P. IVA e N° iscr. Registro Imprese di Siena: 01422570521
N°R.E.A SI-146.479

Dove siamo